X
Cosa stai cercando?
Parti Correlate e Soggetti Collegati
Ai sensi del Regolamento CONSOB adottato con Delibera n° 17221/2010, nonché delle previsioni di cui al Titolo V, Capitolo 5 della Circolare Banca d'Italia del 27 dicembre 2006, n. 263 "Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche" e successivi aggiornamenti, la banca ha approvato una Procedura per la gestione delle operazioni con Parti Correlate, i cui presidi sono altresì estesi anche alle società controllate secondo quanto più in dettaglio indicato nella procedura.

La procedura in materia di operazioni con parti correlate e soggetti connessi ha lo scopo di definire principi e regole per il presidio del rischio derivante da situazioni di possibile conflitto di interesse determinate dalla vicinanza di taluni soggetti ai centri decisionali della banca, rischio che può originare sia con riferimento ad operazioni con "parti correlate" CONSOB, ai sensi del richiamato Regolamento, sia per i Soggetti Collegati, così come definiti dalla Circolare 263/2006 - e sia in presenza di interessi degli esponenti aziendali rilevanti ai sensi degli articoli 53, comma 4 e/o 136 del Decreto Legislativo del 1° settembre 1993 n. 385 "Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia" ("TUB").

Il presupposto metodologico attuato nell'impianto della procedura è rappresentato dalla mappatura di un unico processo che disciplina i presidi applicabili sia alle operazioni con parti correlate e sia alle operazioni in conflitto di interessi che potrebbero caratterizzare l'operatività di doBank e delle Controllate.

Tale architettura tiene conto anche delle evidenti affinità sussistenti tra le varie fattispecie, che possono verosimilmente dare luogo, nella pratica, a sovrapposizioni.

Per la gestione delle operazioni con parti correlate e soggetti collegati doBank ha istituito il Comitato Rischi e Operazioni con Soggetti Collegati - composto da due amministratori indipendenti e da un amministratore non esecutivo - organo al quale è affidato il compito di rilasciare, nelle ipotesi disciplinate dalla procedura, pareri motivati al Consiglio di Amministrazione in merito alle operazioni con parti correlate e soggetti collegati.